10 Canzoni italiane anni 90 che hanno segnato un’epoca

canzoni italiane anni 90

Ci hanno accompagnati nei momenti importanti, ci hanno divertiti, emozionati, consolati e coccolati. Non importa quanti anni avessimo precisamente, le canzoni italiane anni 90 hanno segnato la generazione X e quella dei Millenials lasciando ricordi indelebili. E’ sufficiente scorrere i titoli per ricordare a memoria motivi e ritornelli, basta chiudere gli occhi ascoltandole per venire catapultati in quell’atmosfera che ci rende un po’ nostalgici. Ma fermiamoci qui, lasciamo parlare (e suonare) le mitiche canzoni italiane anni 90:

Certe Notti – Ligabue

“Certe notti la macchina è calda e dove ti porta lo decide lei”, l’incipit del brano è scolpito nella memoria di tutti i ragazzi degli anni 90. Nel 1995 il rocker emiliano lancia questa vera e propria bomba, contenuta nell’album Buon Compleanno Elvis. Chi non ricorda il videclip in stile on the road con il Liga che canta e suona la chitarra a bordo di una macchina?

Più bella cosa – Eros Ramazzotti

Correva l’anno 1996 e al Festivalbar l’Eros nazionale presentava questa canzone dedicata all’allora fidanzata Michelle Hunziker. Un inno all’amore romantico, che milioni di coppie si sono dedicate. Eros, grazie di esistere!

L’ombelico del mondo – Jovanotti

Siamo a metà esatta degli anni Novanta e Jovanotti è in piena fase capellona e terzomondista. L’ombelico del mondo esce nella raccolta Lorenzo 1990 – 1995, un disco che contiene altre perle come Ragazzo fortunato, Gente della notte e Piove. Una hit che ha imperversato nelle feste dell’ultimo decennio del millennio.

Mare mare – Luca Carboni

Recentemente lo abbiamo riascoltato interpretato da Elisa nell’ambito del progetto I love my radio. Mare Mare, conosciuta anche come Mare mare (Bologna-Riccione), ha uno di quei ritornelli difficili da dimenticare e racconta una storia che tutti prima o poi hanno vissuto o vivranno. Vincitrice del Festivalbar 1992, è stata senza ombra di dubbio il tormentone estivo di quell’anno.

Come mai – 883

Esce nel 1993 e resta in testa alle classifiche per mesi e mesi, segnando un’epoca. Il brano di Max Pezzali e compagni conquista gli adolescenti con la storia di un amore non corrisposto e vince l’edizione 1993 del Festivalbar in duo con Fiorello nella sezione miglior CD.

Battito Animale – Raf

Nell’estate del 1996 l’abbiamo ascoltata a ripetizione nei jukebox, con il suo ritmo incalzante e il suo tiro micidiale. E’ il brano vincitore assoluto del Festivalbar 1993 e consacra Raf come uno dei cantanti di maggior successo degli anni Novanta.

50 Special – Lunapop

Tra le canzoni italiane degli anni 90 non si può non citare il successone dei Lunapop, la band cresciuta sotto i portici di Bologna e arrivata alla notorietà nazionale con il brano dedicato alla mitica Vespa. L’ultimo anno del decennio. Anche se ormai a sfrecciare in centro sfiorando i 90 sono rimasti in pochi, nei 2000 diventa immancabile in tutte le feste universitarie che si rispettino.

Children – Robert Miles

Torniamo indietro di qualche anno e cambiamo completamente genere, ma non citare almeno un capitolo della saga della dance italiana è impossibile. Nonostante il nome suoni inglese, dietro alla hit Children c’è l’italianissimo Roberto Concina, che nel 1995 regala al mondo un pezzo che viene suonato a ripetizione nei club di tutto il mondo. Alzi la mano chi non ha la pelle d’oca ascoltandolo oggi.

Gli spari sopra – Vasco

Non poteva mancare il Blasco in questa rassegna dedicata alle canzoni italiane degli anni Novanta: Gli spari sopra riprende la musica di Celebrate degli An Emotional Fish, mentre il testo è scritto da Vasco. Il successo è immediato e diventa presto uno degli album più venduti di sempre in Italia.

Acida – Prozac+

Negli anni Novanta poteva succedere anche che un gruppo dell’underground più alternativo si trovasse improvvisamente a siglare un contratto con una major ed a produrre un disco che sale alla ribalta di radio e tv fino a diventare un tormentone. Secondo Rolling Stones, il disco fa parte dei 100 album italiani più belli di sempre.

Seguici su Instagram @iamthewatch_official